-Gestione Grandi lavori-

Per gli interventi di notevole entità e di particolare complessità, dai risvolti pressoché “epocali” (quali, ad esempio, il rifacimento delle facciate, dei tetti, delle terrazze, adeguamento delle reti fognarie nonché le opere volte al superamento delle barriere architettoniche e l’adeguamento rispetto alle inderogabili normative di Sicurezza e Prevenzione Incendi), abbiamo consolidato un rapporto di collaborazione, in via continuativa, con primari Studi Professionali e di Progettazione proprio al fine di riuscire a gestire le complesse dinamiche della formazione ed esplicitazione della volontà assembleare (a seguito di una corretta, trasparente e semplificata, informazione di base) per addivenire alla programmazione delle lavorazioni e, iniziate le opere, “monitorare” le delicate relazioni che, inevitabilmente, finiscono con l’intercorrere tra Committente ed Appaltatrice, nella fase realizzativa di consegna e collaudo.

In tal senso, abbiamo individuato tutta una serie di “step” obbligati per ottimizzare – in base all’esperienza maturata sul campo – obiettivi che, di fatto, devono necessariamente concretizzarsi in risultati di estesa, acclarata durata, correlati e completati dalle indispensabili, commisurate garanzie:

  1. Riunioni preliminari esplorative per recepire le necessità e le richieste dei condomini al fine di redigere un adeguato progetto, mirato sia sotto il profilo operativo che economico.
  2. Ricerche di archivio per raccogliere tutte le possibili informazioni originarie onde poter pianificare interventi non solo sicuri ma – laddove possibile – anche migliorativi, rispetto allo “status quo ante”.
  3. Stesura della progettazione e presentazione del lavoro alla compagine condominiale, con descrizione semplice e schematica degli interventi e – dove necessario – anche mediante supporto di disegni esplicativi e fotografie esemplificative.
  4. Redazione del Capitolato d’Appalto, contenente anche le soluzioni alternative per le singole voci d’opera onde poter agevolare una scelta consapevole non solo sotto il profilo tecnico ma anche per quel che concerne il profilo economico (ferma restando la prioritaria necessità di garantire come “must” un generale, elevato, standard qualitativo e di durata dell’intervento).
  5. Redazione dei computi metrici estimativi, sulla base dei Camerali e delle consuetudini tecniche e di mercato, con dettagliata nota di misure e materiali specifici da utilizzare, in conformità al Progetto e per una esecuzione conforme alla codicistica “buona regola dell’arte”.
  6. Stesura di tabulazione comparativa delle offerte, come risultato di una gara d’appalto tra primarie imprese interpellate, in modo da ottenere preventivi allineati ed un conseguente quadro riepilogativo di insieme, analitico ed omogeneo (vera “condicio sine qua non” per un agevole e reale confronto dei costi).
  7. Redazione dei documenti contrattuali con sistematico inserimento di penali a garanzia della corretta e puntuale esecuzione delle opere, in conformità ad elevati standard qualitativi (mediante richiesta di fideiussioni bancarie o assicurative), nel rispetto delle tempistiche delle lavorazioni e del termine del cantiere.
  8. Riduzione dell’Appalto “a corpo” per evitare tutte quelle estenuanti diatribe che, di solito, si instaurano con l’appaltatrice, a seguito delle “sopravvenute” differenze tra oggetto del contratto e opere addizionali di maggiore entità, a seguito di misure lineari rilevate su lavori eseguiti.
  9. Direzione dei Lavori con sopralluoghi frequenti (nell’eventualità anche giornalieri) e meticolosa redazione dei relativi verbali di visita, sempre a disposizione della committenza e con precisi aggiornamenti da divulgare – con scadenza periodica – ai Signori Consiglieri ed ai Condomini.
  10. Sicurezza del Cantiere, soprattutto nell’ottica di riunire in una sola figura il Direttore dei Lavori ed il Coordinatore della Sicurezza onde poter conseguire non solo un plausibile, logico risparmio sui generali costi professionali, ma anche per addivenire ad un miglior controllo del cantiere, seguito in modo più continuo e coerente, con soluzione delle eventuali problematiche, in tempi decisamente più brevi e consoni alle aspettative dei Condomini.
  11. Collaudi e Liquidazioni con stesura di analitico e motivato “Stato di Avanzamento dei Lavori”, in funzione dei pagamenti contrattuali.
  12. Gestione diretta delle problematiche e del precontenzioso onde poter garantire una diretta interazione tra Professionista/Direttore dei Lavori ed i condomini che necessitassero di dettagliate, ulteriori spiegazioni o denunciassero eventuali danneggiamenti nella fase di esecuzione degli interventi.
  13. Stesura periodica di semplificate informative riassuntive sui lavori in corso, ancora meglio se a seguito di prefissate riunioni in luogo, alla presenza di Condomini, Consiglieri, Direzione dei Lavori ed Amministrazione.

Teniamo a sottolineare come i Professionisti che collaborano con la nostra organizzazione siano sempre a disposizione per consulenze private, pratiche edilizie, catastali, nonché per la predisposizione (o riparametrazione) delle “tabelle millesimali”, sovente fonte di malcontento a seguito di errate valutazioni originarie e conseguente successivo frazionamento del fabbricato in Condominio, attraverso gli Atti Pubblici di Compravendita. I risultati già conseguiti presso alcuni comprensori e l’approvazione di specifiche tabelle gestionali (maggioranza semplice richiesta di 501/1000) sono tangibili risultati dell’esperienza maturata nel settore da parte della Gestioni Brancaccio.

Comments are closed.

Usiamo i cookies per darti un'esperienza pratica e performante sul nostro sito.
Cliccando ok, concordi con la nostra politica sui cookie.
Ok