Come si calcolano le tabelle millesimali ?

On 19 Dicembre 2015
Viewed 2895 Times 0 Comments

I millesimi costituiscono la vera e propria unità di misura delle proprietà condominiali. Tramite essi, infatti, si attribuiscono ai diversi condomini sia i diritti che i doveri relativi alla propria quota, che viene definita come quota millesimale. Non di rado, infatti, all’interno di un condominio sentiamo parlare di divisione delle spese comuni in base alla percentuale millesimale di ciascun condomino, e non di rado si assiste a dispute in merito a ciò. Tali quote vengono inserite tutte insieme all’interno di apposite tabelle, per poterne tenere sempre sott’occhio le caratteristiche. Ma come ci si muove per calcolare queste tabelle millesimali e quali sono i parametri che bisogna tenere in considerazione? Proseguendo nella lettura della presente guida cercheremo di chiarire meglio questo concetto.

Per procedere con il calcolo esatto dobbiamo passare attraverso diversi procedimenti che si differenziano a seconda della tipologia di calcolo da effettuare. È sempre necessario, però, tenere bene a mente il fatto che per calcolare la tabella millesimale di un condominio, e di qualunque edificio su base generale, dobbiamo considerare il valore dell’edificio condominiale uguale a 1000. Seguendo questa logica possiamo considerare la proprietà dei singoli condomini espressa in millesimi, come ad esempio 40/1000 (40 millesimi) o 126/1000 (126 millesimi).

Se vogliamo andare a determinare da quanti millesimi è composto ogni singolo condominio, dobbiamo tenere presente alcuni fattori, che contribuiranno a determinarne il valore esatto. Questi fattori da condiderare sono, ovviamente, la superficie dell’unità immobiliare, la cubatura della stessa, il livello di piano e l’orientamento. Non da ultimi bisogna considerare se l’unità è servita o meno da un ascensore e se è dotata di giardino privato (o comunque di uno spazio esterno proprio) oppure no.
Ovviamente, migliore è la caratteristica dell’unità immobiliare, più alto è il coefficiente che dovremo andare ad attribuire alla stessa. Dopo aver creato le tabelle millesimali sarà necessario procedere alla loro approvazione.

Quest’operazione viene generalmente fatta attraverso una semplice assemblea condominiale, a patto che in essa vi siano rappresentati almeno 500 millesimi. Nel caso in cui non si riesca a mettere d’accordo i condomini è possibile procedere anche facendo ricorso al tribunale o, semplicemente, al giudice di pace competente per territorialità.

Was this answer helpful ? Yes / No

Comments are closed.

Usiamo i cookies per darti un'esperienza pratica e performante sul nostro sito.
Cliccando ok, concordi con la nostra politica sui cookie.
Ok